Le soluzioni basate sulla natura (Nature Based Solutions) sono una parte fondamentale della strategia nella lotta al cambiamento climatico. Le NBS possono infatti fornire fino a un terzo della mitigazione del cambiamento climatico necessaria entro il 2030 per mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 2° C, raggiungendo potenziali di mitigazione di 10-12 gigatonnellate di CO2 all’anno.

Le NBS comprendono una varietà di azioni che conservano, ripristinano o migliorano la gestione dell’ecosistema naturale per limitare le emissioni di gas serra (GHG) nell’atmosfera. Nel contesto più ampio delle NBS, il ruolo che le foreste permanenti giocano nella lotta contro il cambiamento climatico è fondamentale.

La conservazione delle foreste naturali, in particolare delle foreste tropicali, è essenziale perchè al contempo preserva la biodiversità del pianeta e garantisce i mezzi di sussistenza di 1,6 miliardi di persone dipendenti dalle foreste a livello globale.

La Carbon Finance rappresenta uno strumento importante per incanalare i fondi verso progetti NBS e aumentare gli investimenti privati in questo settore.

Cosa sono i progetti REDD+?

È in questo quadro che è stato introdotto il meccanismo REDD+ per incentivare la protezione delle foreste. REDD è l’acronimo di Reducing Emissions from Deforestation and Forest Degradation, con il “+” che rappresenta il ruolo della conservazione, gestione sostenibile delle foreste e valorizzazione dello stock di carbonio.

Pertanto, i progetti REDD+ mirano a ridurre le concentrazioni di GHG nell’atmosfera e contribuire alla mitigazione del cambiamento climatico attraverso cinque principali gruppi di attività:

  • Riduzione delle emissioni dalla deforestazione
  • Riduzione delle emissioni da degrado
  • Riduzione delle emissioni attraverso la conservazione
  • Gestione sostenibile delle foreste
  • Miglioramento dello stock di carbonio

Le caratteristiche di queste attività implicano il coinvolgimento attivo delle comunità locali, che diventano fondamentali per raggiungere gli obiettivi REDD+, in quanto è solo attraverso un cambiamento nel comportamento della comunità che i progetti possono ottenere la riduzione delle emissioni.

Nonostante la loro complessità, i progetti REDD+ hanno il potenziale per generare importi rilevanti di crediti di carbonio certificati per anno. I proventi derivanti dalla vendita di crediti di carbonio, insieme alla riduzione delle emissioni di GHG, giustificano le spese, i costi e gli sforzi necessari per la realizzazione di un progetto di questa portata.

Inoltre, si prevede che aumentino rapidamente sia il prezzo del credito di carbonio che la domanda nel Mercato Regolamentato e in quello Volontario (come si può leggere in questo articolo).

Che ruolo giocano le mangrovie e i progetti Blue Carbon?

Ricerche recenti hanno dimostrato che gli ecosistemi costieri come mangrovie, fanerogame marine e saline svolgono un ruolo importante per la mitigazione dei cambiamenti climatici perché particolarmente efficaci al sequestro e allo stoccaggio dell’anidride carbonica.

I progetti di conservazione di queste tipologie di foreste costiere (denominati “Blue Carbon”) sono tra i più interessanti, in quanto possono dare un contributo reale alla riduzione delle emissioni di CO2.

Le mangrovie hanno anche co-benefici aggiuntivi in termini di protezione delle coste dalle mareggiate, impedendo all’erosione del suolo di insabbiare il letto dei fiumi (che possono esacerbare l’effetto delle inondazioni sulle comunità locali impedendo il drenaggio dell’acqua), ripristinando la biodiversità dei sistemi fluviali e migliorando il contenuto di ossigeno e la pulizia dei sistemi fluviali.

Sfortunatamente, il degrado dovuto agli impatti antropici contribuisce alle emissioni di carbonio, impedendo a questi ecosistemi di continuare a sequestrare e immagazzinare carbonio. Nel National Blue Carbon Policy Assessment Framework pubblicato dalla IUCN nel 2016, si stima che ogni anno vengano distrutti da 340.000 a 980.000 ettari di mangrovie e che fino al 67% della copertura globale di mangrovie, almeno il 35% delle paludi di marea e il 29% delle praterie di fanerogame sono stati persi.

Ciò rappresenta una minaccia estrema per gli ecosistemi acquatici.

La deforestazione delle mangrovie rappresenta fino al 10% delle emissioni dalla deforestazione a livello globale nonostante la superficie delle mangrovie rappresenti solo lo 0,7% delle aree forestali tropicali. Questo perché quando degradate o distrutte, le mangrovie emettono un livello più alto di carbonio rispetto agli alberi normali poiché il loro potenziale di stoccaggio del carbonio sopra e sotto il suolo è cinque volte maggiore di quello tropicale o delle foreste montane. L’accesso alla Carbon Finance attraverso REDD+ e / o progetti di riforestazione in queste aree è quindi di vitale importanza per garantire che le comunità ricevano il sostegno economico necessario per proteggere e recuperare questi elementi essenziali ecosistemi.

Compresa l’importanza di realizzare progetti di conservazione forestale nei Paesi in Via di Sviluppo, si tratta ora di capire come questi possono essere sviluppati per accedere agli strumenti finanziari previsti dalla Carbon Finance.

Ovvero, come si possono generare e vendere Crediti di Carbonio attraverso lo sviluppo di progetti REDD+?

Ne parleremo nel prossimo articolo.