L’obiettivo di sviluppo sostenibile SDG 7 delle Nazioni Unite mira a ottenere l’accesso a un’energia accessibile, affidabile, sostenibile e moderna per tutti. Nonostante ci siano stati investimenti significativi in ​​questo settore, ci sono ancora circa 4 miliardi di persone nel mondo che non hanno un accesso sufficiente all’energia.

In molti Paesi in Via di Sviluppo le comunità fanno ancora affidamento su legna da ardere, carbone o altra biomassa bruciata su stufe tradizionali e inefficienti per cucinare. Questi fornelli tradizionali emettono grandi quantità di fumo durante la cottura, che a sua volta ha un impatto negativo sulla salute e sulla qualità dell’aria interna. Donne e bambini sono spesso incaricati di procurarsi carburante e trasportare carichi pesanti mentre viaggiano su lunghe distanze. Questo li mette a rischio di violenza sessuale e di genere e sottrae tempo ad altre attività produttive, comprese le attività generatrici di reddito e l’istruzione. La raccolta della legna da ardere per cucinare contribuisce al degrado ambientale e incita al conflitto tra le popolazioni locali, soprattutto in contesti che hanno raggiunto un punto di crisi in cui non c’è più legna da ardere disponibile nell’ambiente locale e non esistono alternative.

Pertanto, l’accesso all’energia e, in particolare, l’accesso a moderne soluzioni di cottura energetica nei Paesi in Via di Sviluppo sono fondamentali in quanto non solo fanno avanzare i progressi verso l’accesso universale all’energia, ma anche il miglioramento della salute e del benessere, l’uguaglianza di genere, l’azione per il clima, la pace e la giustizia e l’eliminazione della povertà.

Qual è la situazione attuale

L’accesso all’energia è stato storicamente escluso dalla risposta umanitaria e dalla cooperazione internazionale a causa della disponibilità limitata di soluzioni, dell’accessibilità economica e della mancanza di modelli di business adeguati. L’obiettivo degli aiuti umanitari è fornire un sollievo immediato alle crisi a breve termine, ma in molti contesti svantaggiati le comunità vivono costantemente senza un sufficiente accesso all’energia.

Va detto che si sta assistendo a una crescente attenzione a interventi che prevedono la distribuzione di tecnologie energetiche per cucinare, illuminazione e altri servizi energetici, ma pochi si sono concentrati sulla fornitura di soluzioni a lungo termine per la moderna cucina energetica. Ciò può essere attribuito al fatto che i finanziamenti umanitari sono spesso motivati ​​politicamente e di natura a breve termine, il che significa che i finanziamenti e le priorità possono cambiare rapidamente con i donatori e cambiamenti nelle relazioni internazionali. Ciò si traduce spesso in soluzioni a breve termine che non soddisfano i fabbisogni energetici a lungo termine delle comunità.

Verso nuovi modelli di finanziamento dei progetti: i Crediti di Carbonio

È essenziale implementare nuovi modelli di finanziamento e fornitura per l’accesso all’energia nei Paesi in Via di Sviluppo, poiché i finanziamenti dei donatori non sono sufficienti per affrontare la sfida. Sono necessari finanziamenti più innovativi per ampliare le soluzioni e attrarre investimenti e partecipazione dal settore privato, che ha tradizionalmente considerato queste aree del mondo come contesti rischiosi e non redditizi.

A tal proposito, esiste un potenziale significativo per l’impegno del settore privato in questo contesto attraverso la Finanza Climatica, ovvero gli strumenti che attribuiscono un valore finanziario alle emissioni di gas serra. Nello specifico, le riduzioni delle emissioni possono essere ottenute attraverso l’uso di stufe a basso consumo di carburante o combustibili puliti. Ogni tonnellata di anidride carbonica (CO2) non emessa genera un Credito di Carbonio (in questo articolo ti abbiamo spiegato cos’è). Le riduzioni delle emissioni si verificano quando si spostano famiglie e intere comunità da una tecnologia tradizionale (ad es. stufe a fuoco aperto o fanghi con un’efficienza termica presunta del 10%) a una tecnologia più efficiente (ad es. legna da ardere migliorata e stufa a carbone) o a una diversa fonte di energia (ad es. gas, solare termico o elettrico, biogas o biocombustibile).

Chi sostiene questi progetti attraverso i Crediti di Carbonio

Questi Crediti di Carbonio possono poi essere acquistati dalle imprese per compensare o riequilibrare le proprie emissioni, o semplicemente per contribuire al finanziamento di progetti di sostenibilità ambientale e sociale (come abbiamo spiegato in questo articolo). La Finanza Climatica può aumentare la redditività finanziaria dei progetti o ridurre i rischi di investimento creando un flusso di entrate aggiuntivo e consentendo un trasferimento di tecnologie e know-how tecnico. Questo meccanismo consente il co-finanziamento di progetti che apportano numerosi benefici sociali e ambientali oltre alla riduzione delle emissioni di gas serra (GHG). In questo contesto la riduzione delle emissioni di GHG è spesso considerata uno strumento per convogliare finanziamenti per lo sviluppo piuttosto che l’impatto più importante.

Per i progetti di soluzioni energetiche per la cucina, il finanziamento attraverso i Crediti di Carbonio viene solitamente utilizzato nei seguenti modi:

  • pagare tutti i costi di capitale e operativi per la distribuzione di tecnologie migliorate;
  • sovvenzionare una parte del costo della tecnologia migliorata per renderla accessibile alla popolazione target;
  • pagare, finanziare o sovvenzionare in varia misura le spese in conto capitale e operative necessarie per ampliare il progetto: sensibilizzare l’opinione pubblica attraverso affissioni, spot radiofonici e televisivi o sensibilizzazione locale porta a porta; ampliare i canali di marketing pagando i costi di distribuzione dell’ultimo miglio nelle aree a minore densità di popolazione; fornire finanziamenti al consumo attraverso microprestiti per stufe e altri investimenti; e finanziare l’ampliamento degli impianti di produzione e stoccaggio.

Quali progetti possono generare Crediti di Carbonio certificati

Non tutti gli interventi possono beneficiare della possibilità di generare Crediti di Carbonio, e in questo articolo abbiamo spiegato bene quali sono i requisiti di base e le attività da svolgere per poter generare e vendere Crediti di Carbonio certificati.

In termini di standard di certificazione del carbonio (in questo articolo ti spieghiamo cosa sono), il Gold Standard è noto per il suo lavoro di ampliamento della portata della Finanza Climatica per l’accesso all’energia in vari contesti.  Il Verified Carbon Standard (VCS), il più grande emittente di compensazioni volontarie di carbonio, consente anche ai progetti di fornelli di beneficiare della Finanza Climatica, sebbene per lo più quelli che distribuiscono stufe a legna migliorate. La figura seguente mostra il numero di progetti registrati (in verde scuro) e i crediti emessi per questi (in verde chiaro e in milioni di tonnellate di CO2), da ciascun registro.

Volumi dei progetti “stufe” per registro

Le opportunità offerte dai Crediti di Carbonio

La Finanza Climatica offre una serie di opportunità, che includono:

  • Struttura dei costi snella. I costi associati all’attuazione di tali progetti sono spesso visti alla luce dei finanziamenti che possono essere generati dalla vendita di Crediti di Carbonio. In quanto tali, i progetti tendono a concentrarsi su attività che sono altamente efficienti nel raggiungimento dell’obiettivo principale del progetto (ad esempio, la riduzione delle emissioni di consegna). Questo in effetti tende a ridurre i costi di tali progetti, rispetto a un progetto che sarebbe finanziato attraverso un tradizionale donatore di aiuti.
  • Miglioramento continuo. Una volta che il progetto è attivo e funzionante, il processo certificativo richiede una serie di parametri da monitorare attraverso test quantitativi e indagini qualitative. Sebbene i progetti di sviluppo tradizionali includano in una certa misura il monitoraggio, i parametri da seguire da vicino per i progetti finanziati dai Crediti di Carbonio consentono loro di migliorare nel tempo (ad es. ridurre l’utilizzo del dispositivo di cottura di base, implementare attività per consentire agli utenti di risparmiare denaro, aumentare i canali di vendita al dettaglio di carburante, ecc.). Le molteplici indagini condotte durante l’arco di vita del progetto consentono inoltre di raccogliere informazioni preziose sulle dinamiche socio-economiche dei beneficiari e consentono una migliore comprensione delle loro preoccupazioni e preferenze.
  • Contributo all’SDG 17 – Partnership for the Goals. Mentre il settore privato è spesso riluttante a collaborare con il settore pubblico, la Finanza Climatica può essere vista come uno strumento più semplice sia per la cooperazione che per il contributo all’SDG 17. Il settore pubblico e quello degli aiuti sono ben consapevoli che i loro finanziamenti sono insufficienti per affrontare tutte le questioni relative allo sviluppo e i fondi del settore privato possono essere sfruttati attraverso i Crediti di Carbonio.

Il caso “Angovo Maharitra” in Madagascar

Nel 2022 Madaprojects, in collaborazione con Aid4Mada (una ONG italiana che opera in Madagascar dal 2015 e che ha già attivo dal 2018 il progetto Water Is Life), avvierà un nuovo importante progetto, che prevede la realizzazione e distribuzione di stufe a carbone migliorato destinate a circa 20.000 famiglie di Tulear.

Il progetto prevede la collaborazione con un’associazione locale chiamata “Angovo Maharitra” (“Energia Sostenibile” in lingua malgascia) che  produce e promuove fornelli migliorati. A Tulear l’associazione ha già un laboratorio in grado di produrre 1.000 fornelli migliorati al mese, che saranno acquistati da Aid4Mada che si occuperà della distribuzione agli abitanti dei villaggi a prezzi vantaggiosi rispetto a quelli delle stufe tradizionali.

Il progetto prevedrà inoltre campagne di sensibilizzazione delle comunità volte a responsabilizzare gli abitanti del villaggio sulla necessità di proteggere l’ambiente, la foresta, gli alberi. Successivamente, verrà fatta una sessione dimostrativa sull’efficacia dei fornelli misti migliorati “Angovo Maharitra” rispetto all’uso di stufe tradizionali. Verrà quindi proposto agli abitanti dei villaggi l’acquisto e l’utilizzo di questi fornelli migliorati per risparmiare carbone e legna da ardere e ridurre l’emissione di anidride carbonica e la distruzione della foresta.

Il progetto prevedrà anche la creazione di 4-5 “promoter” per ogni villaggio per sensibilizzare sull’uso dei prodotti attraverso prove di cottura nei villaggi, sollecitando così il consumo del prodotto. Gli stessi promoter inoltre saranno responsabili dei punti vendita nei villaggi dove gli abitanti potranno acquistare i fornelli e conoscere come utilizzare il prodotto e i suoi benefici.  La vendita di questi prodotti sarà un lavoro fruttuoso per gli abitanti del villaggio, dal momento che è previsto un compenso per ogni fornello venduto.

Il progetto non mira a realizzare profitti nella vendita di prodotti. L’obiettivo è promuovere prodotti per limitare il consumo di carbone e legna da ardere per ridurre la deforestazione, le emissioni di anidride carbonica nell’aria e migliorare le condizioni di vita della popolazione locale.

Tuttavia, per creare occupazione e garantire al progetto la sostenibilità economica e la scalabilità, sarà previsto un contributo finanziario minimo dei beneficiari come vendita simbolica. Il ricavato della vendita sarà utilizzato per il pagamento dei costi operativi e per la previsione di espansione del progetto.

Il progetto sarà finanziato da Madaprojects e Carbon Credits Consulting, e seguirà l’iter di certificazione sui principali Standard di Carbonio internazionali: quindi genererà nei prossimi anni Crediti di Carbonio che saranno venduti alle organizzazioni che stanno intraprendendo un percorso verso la Carbon Neutrality.

Madaprojects è alla ricerca di partner locali che realizzano progetti di distribuzione di fornelli da cucina efficienti nei Paesi in Via di Sviluppo, se vuoi collaborare con noi proponici i tuoi progetti.