Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Dopo aver spiegato cosa sono i Crediti di Carbonio, vediamo come si possono generare e vendere

Non tutti i progetti, seppur afferenti alle macro-categorie indicate, possono generare crediti di carbonio. È quindi fondamentale una verifica preliminare del progetto, che possa consentire al progettista di comprendere se e quanti crediti di carbonio potrebbero essere generati.

Una volta appurato che il progetto è eligibile, inoltre, per generare e vendere i crediti di carbonio non è sufficiente realizzarlo, ma è necessario ottenere la certificazione dei crediti generati da parte di un ente certificatore indipendente e riconosciuto.

Il progettista deve quindi seguire un iter metodologico predefinito che richiede diverse attività da svolgere durante tutte le fasi del progetto (prima, durante e dopo la realizzazione), mirate a certificare che l’impatto ambientale dello stesso sia reale, addizionale, misurabile e verificabile.

Una volta ottenuta la certificazione, il progettista deve impegnarsi a mantenerla nel tempo attraverso una serie di attività di monitoraggio da svolgere periodicamente per garantire la continuità dell’impatto generato.

Qualche esempio sui progetti che possono generare e vendere i Crediti di Carbonio

Ad esempio, nel caso della costruzione di pozzi per l’acqua potabile queste attività di monitoraggio includono analisi periodiche della qualità dell’acqua, test e interviste sui consumi di acqua da parte della popolazione, campagne di sensibilizzazione all’igiene personale e al corretto utilizzo dell’acqua, ecc.

Se tali attività vengono svolte correttamente e l’impatto certificato, allora i crediti di carbonio sono vendibili, sia sui mercati che a privati.

In questo caso il progettista riceve entrate economiche che dipendono dalla quantità di crediti venduti e dal prezzo di vendita. Tali entrate sono realizzabili per tutto il periodo di generazione dei crediti, che nel caso dei progetti water è pari a 5 anni dopo la costruzione del pozzo (rinnovabile due volte, quindi fino a 15 anni totali).

Quindi se il progettista è in grado di ottenere e mantenere la certificazione, e il rivenditore è in grado di vendere i crediti generati, questo meccanismo garantisce al progettista entrate certe, ricorrenti e significative per diversi anni, che devono ovviamente essere utilizzate per finanziare i futuri progetti climatici.

La tua ONG potrebbe accedere a queste entrate? Fai il test per scoprirlo!